Fissaggio delle contropareti in tutta semplicità

Prodotti e soluzioni fischer per il cartongesso

Quando ci si imbatte in lavori di ristrutturazione in appartamenti o case singole, non sempre è possibile intervenire in modo radicale nella modifica di pareti portanti e pareti divisorie: possono esserci infatti problematiche legate alla presenza di impianti idraulici o elettrici, necessità di intervenire nel modo meno invasivo possibile o, sempre più spesso, restrizioni di budget. Una buona soluzione per intervenire in modo veloce, pratico ed economico, ma con risultato eccellente, è la possibilità di ricorrere a una controparete in cartongesso.

Che cosa sono le contropareti?

Nell’ambito dei lavori in cartongesso, le contropareti costituiscono una parete aggiuntiva posta davanti ai muri massicci delle stanze. Vengono utilizzate per ottenere una superficie diritta della parete in caso di fondo logorato o scomposto, oppure per realizzare un isolamento interno. Le contropareti possono essere una soluzione a tutto tondo e senza complicazioni. Oltre alla semplice suddivisione degli spazi abitativi, esse contribuiscono anche all’isolamento termico e acustico. Solitamente sono ricoperte con pannelli in cartongesso. Di base è possibile distinguere tra contropareti a fissaggio diretto e contropareti autoportanti.

Contropareti a fissaggio diretto

Le contropareti a fissaggio diretto sono la soluzione ideale se si desidera limitare la perdita di spazio interno. Di norma si tratta di contropareti dotate di uno spessore strutturale di soli 30 mm. Per questo tipo di elemento è necessario prevedere tempi di installazione maggiori: i singoli supporti devono essere infatti fissati alla parete a una distanza di 1 metro l’uno dall’altro e regolati tra loro. Per il fissaggio vengono utilizzate sospensioni flessibili regolabili. Solitamente le contropareti vengono infine isolate e rivestite.

Contropareti autoportanti

Con più spazio a disposizione, o se si desidera migliorare l’insonorizzazione, è possibile fare ricorso a delle contropareti autoportanti. Una ragione ulteriore a sostegno della variante autoportante può essere l’eventuale esigenza di nascondere delle installazioni dietro la controparete o l’impossibilità di intonacare la parete in muratura che verrà nascosta. Di conseguenza, è necessario posare preliminarmente le eventuali condutture e cavi.

Schiuma PANEL: La schiuma per incollare pannelli di cartongesso

Può correggere fino a 2 cm di irregolarità della parete
Vai al prodotto

Migliore insonorizzazione e maggiore isolamento termico

A chi non dà fastidio sentire passi e rumori dalle stanze limitrofe? A volte non è sufficiente rispettare le norme edili di insonorizzazione. L’isolamento acustico è un aspetto da tenere in considerazione anche in caso di posa a posteriori delle pareti. Non di meno, l’isolamento termico è una condizione auspicabile specialmente nei mesi più freddi dell'anno! In entrambi i casi è necessario procedere con attenzione per ottenere il risultato migliore. Per l’isolamento delle pareti interne con pannelli minerali è necessario che il fondo sia piano, pulito e asciutto e che sia in grado di sostenere il peso applicato. È possibile livellare eventuali imperfezioni utilizzando lo stucco. Taglia i pannelli isolanti secondo le misure necessarie e utilizza quindi un collante adeguato al materiale isolante, eventualmente una malta leggera. Predisponendo del materiale isolante in lana minerale dello spessore di 40 mm nell’intercapedine della parete potrai migliorare sensibilmente sia l’insonorizzazione acustica, sia l’isolamento termico del muro su cui viene applicata la controparete. Accertati di non creare ponti termici. Lo spazio tra il profilo e la parete esterna deve essere riempito completamente con il materiale isolante. L’insonorizzazione può essere ulteriormente migliorata utilizzando per il rivestimento degli specifici pannelli fonoassorbenti.

Come fissare le contropareti per creare un isolamento termico

Solitamente i materiali isolanti posti nell’intercapedine non hanno caratteristiche strutturali rilevanti e non contribuiscono quindi ad aumentare i valori di resistenza ai carichi della parete. Se si sceglie quindi di realizzare un isolamento interno a parete, la realizzazione deve necessariamente tenere in considerazione alcuni aspetti, come ad esempio i requisiti specifici in termini di fissaggio, ancor più in caso di rivestimento a pannelli. È inoltre importante considerare lo specifico caso d’uso, ad esempio è necessario chiarire se lo spessore e il peso dei pannelli siano adatti al sistema di fissaggio. E’ fondamentale evitare la formazione di ponti termici e scaricare in sicurezza i carichi nel supporto. In linea di principio è consigliato l’utilizzo di viti e tasselli idonei per il tipo di supporto (fondo di ancoraggio) e adatti al caso d’uso specifico. In tal modo non si danneggia il cartongesso, si evitano fessurazioni e altri possibili danni a rivestimenti e sottostrutture di supporto.

Fissaggi per l'installazione di pannelli in cartongesso

Schiume, viti autoforanti e nastri sigillanti per l'installazione di pannelli in cartongesso
Scopri di più

Tasselli per fissare su cartongesso, lastre e pannelli

Per garantire un corretto fissaggio anche sul cartongesso abbiamo sviluppato un'apposita linea di tasselli
Scopri di più

Come fissare oggetti sulle pareti di cartongesso

Duotec Heimwerker Modell des Monats

Ultimata l'installazione e la finitura delle contropareti, con gli appositi tasselli per cartongesso fischer è possibile fissare in maniera stabile su pareti e soffitti pannellati oggetti come specchi, quadri, rilevatori di fumo o lampadari di piccole dimensioni. fischer DUOBLADE, è stato recentemente sviluppato appositamente per consentire un’applicazione semplice e sicura su pannelli in cartongesso.

Per carichi maggiori su pannelli di qualsiasi materiale (cartongesso, gessofibra, trucciolari, compensato, lamiere) si rivela particolarmente adatto fischer DUOTEC: grazie al meccanismo di aggancio dietro il pannello, questo tassello consente il fissaggio sicuro e stabile di pensili per la cucina e il soggiorno, scaffali, guardaroba o specchi. E’ importante verificare che vi sia spazio sufficiente nella cavità dietro al pannello per consentire al tassello di trapassarlo prima di ribaltarsi e ancorarsi in modo stabile e sicuro. Le contropareti a montaggio diretto talvolta non offrono sufficiente spazio per consentire l’utilizzo di questo tassello. Come soluzione molto pratica, se in uno spazio piccolo dietro il pannello a muro sono presenti materiali pieni, è possibile utilizzare fischer DUOTEC anche come tassello a espansione.

Le contropareti sono la soluzione ideale per mettere in atto quei cambiamenti all’interno della casa che fino questo momento ritenevi troppo impegnativi. E grazie ai giusti tasselli per cartongesso, i mobili e gli accessori per interni trovano un sostegno sicuro!

sc93-delivery-1