Viti speciali

Per l'industria e l'artigianato professionale

Viti su misura

Soprattutto nell’industria e nell’artigianato professionale vengono impiegate viti speciali, ottimizzate per le peculiarità di svariati pezzi da lavorare o costruzioni. Se è necessario reggere un elevato carico o è difficile accedere alla vite all’interno di una costruzione, è possibile trovare la soluzione ottimale attraverso la giusta vite speciale.

È possibile richiedere la realizzazione di viti su misura, procedura che trova applicazione innanzitutto nelle grandi opere.

Per il settore privato o l’uso in piccole e medie imprese i costi di tali prodotti su misura sono troppo elevati. Pertanto vi sono alcune viti speciali che vengono offerte in formati standard.

Viti di regolazione

Le viti di regolazione vengono impiegate per connessioni con pezzi in legno. Sotto la testa della vite sono collocate scanalature non filettate. Avvitando le viti di regolazione, tali scanalature si agganciano nel pezzo da congiungere, offrendo un’ottima presa nello stesso. Anche se con la regolazione in senso antiorario la vite esce un po’, grazie alle scanalature apposite la connessione resta stabile. Un ulteriore vantaggio offerto dalle viti di regolazione è la filettatura autofilettante, che rendono superflue lunghe pre-forature.

 

Viti a ceppo

La vite a ceppo presenta all’estremità una filettatura per legno, mentre l’altra estremità è provvista di filettatura metrica. La vite a ceppo viene impiegata anche per assicurare i pezzi in lavorazione a pietra naturale, legno o anche calcestruzzo mediante un bullone.

Viti con testa per chiave

Anche le viti con testa per chiave fanno parte delle viti speciali. Si tratta di viti che possono essere fissate sia con chiavi che con chiavi a tubo.

Le viti con testa per chiave seguono la norma DIN 571 e sono conosciute anche con altri nomi:

  • Viti per legno esagonali
  • Viti Ethernet
  • Viti Vienna

La filettatura delle viti con testa per chiave non inizia direttamente sotto la testa della vite, dove si trova invece un gambo liscio. La filettatura parziale fa sì che tra i componenti di costruzione da collegare si generi un’elevata pressione. Se ad esempio vengono avvitate l’una all’altra due tavole, il componente in legno sottostante viene attirato saldamente verso quello sovrastante. La vite con testa per chiave non è una tipica vite per legno. La testa esagonale agevola il serraggio. Le viti sono disponibili anche in acciaio inossidabile. Per un impiego corretto, le viti con testa per chiave devono sempre essere inserite nel legno precedentemente perforato in due fasi. Trovate le viti con testa per chiave anche in acciaio zincato e zincato a caldo.

Viti di sicurezza

Queste viti si differenziano da quelle comunemente disponibili in commercio innanzitutto per il taglio speciale. Se dovete aprire una vite speciale, potete acquistare le punte adeguate nei centri per bricolage. Di seguito vengono riportati i tagli più diffusi tra le viti speciali:

  • Esagono incassato con perno
  • Torx con perno
  • Denti interni multipli
  • Intaglio antisvitamento
  • Tri-Wing
  • TORQ-SET
  • Pentalobe
  • Spanner (occhio di serpente)
  • Bristol

La vite antisvitamento non può essere allentata con un normale attrezzo. I fianchi del taglio sono appiattiti nella corsa di ritorno e non offrono superfici d’appoggio agli attrezzi. Se tuttavia fosse necessario procedere allo smontaggio, esistono attrezzi speciali, come ad esempio le avvitatrici antiorario. Le viti speciali intervengono sempre quando è necessario evitare il più possibile l’allentamento della connessione. Un esempio classico sono i veicoli del trasporto pubblico. Le imprese che producono apparecchi elettrici scelgono sempre più spesso viti speciali per evitare che i clienti si cimentino da soli in riparazioni rischiose. Anche i giocattoli che contengono al loro interno elementi potenzialmente pericolosi utilizzano viti speciali. In base alle diverse tipologie di vite di sicurezza, trovate modelli con testa bombata, testa piatta o anche svasata.

Viti autofilettanti

Le viti autofilettanti sono in grado di intagliare la propria filettatura entro il materiale in cui si inseriscono. Questo tipo di vite viene impiegato in svariati ambiti: è infatti adatto alla lavorazione del legno, del metallo e della plastica.

Le viti vengono proposte in due varianti: viti autofilettanti e viti autoformanti. Le viti autoformanti presentano una punta smussata. Le viti autofilettanti sono dotate di punta aguzza. Le due tipologie prevedono diverse modalità di lavorazione. Per inserire una vite autoformante in un materiale è necessario prima praticare un foro, soprattutto quando la vite perforante viene usata in lamiere in metallo. Su una lamiera molto sottile potete segnare con un punzone il punto di perforazione, agevolando così l’inserimento nel pezzo in lavorazione. Per lamiere più spesse e acciaio non si è invece soliti praticare una precedente perforazione. Per la perforazione ricorrete sempre a una punta del trapano più piccola di circa 2 mm rispetto alla vite. Tuttavia, per diametri più piccoli o più grandi, occorre prestare attenzione alle specifiche indicazioni relativamente al diametro del foro. Le viti autofilettanti o anche autofilettanti con punta vengono avvitate nel pezzo da lavorare senza precedente perforazione.

Queste viti riscuotono grande successo nelle costruzioni in legno e di mobili e si possono inserire nei più disparati materiali in tutta semplicità e rapidità. Non solo, le viti si possono togliere in qualsiasi momento.

fe80::3c9d:39e1:f52e:7cbf%4