Oggi la foratura delle lastre in pietra può avvenire con una macchina a controllo numerico tipo CNC, applicando la punta di foratura fischer FZP B/CNC

Le facciate ventilate donano agli edifici un ottimo aspetto estetico e soprattutto duraturo nel tempo, con importanti benefici e vantaggi che si traducono in confort e benessere abitativo; contribuiscono a risolvere le problematiche della protezione dall’umidità, dagli agenti atmosferici e rendono possibile l’introduzione dell’isolamento termico ed acustico.

E’ noto che le facciate ventilate donano agli edifici unottimo aspetto estetico e soprattutto duraturo nel tempo, con importanti benefici e vantaggi che si traducono in confort e benessere abitativo; contribuiscono a risolvere le problematiche della protezione dall’umidità, dagli agenti atmosferici e rendono possibile l’introduzione dell’isolamento termico ed acustico.

fischer mette a disposizione la propria esperienza e il suo staff tecnico per risolvere assieme al progettista le problematiche tecnico funzionali, individuando la soluzione più idonea al progetto avvalendosi di strumenti normativi come la “Norma UNI 11018:2003 rivestimenti e sistemi di ancoraggio per facciate ventilate a montaggio meccanico”

Le tecniche di fissaggio per l’aggancio delle lastre sono diverse, e la scelta di un sistema piuttosto di un altro dipende dalle caratteristiche tecniche del progetto e l’obiettivo che si vuole raggiungere per soddisfare l’esigenza della committenza piuttosto del contesto architettonico in cui si trova l’edificio.

Uno dei sistemi più accreditati è il tassello invisibile FZPII A4 che possiede certificazione ETA-11/0145, per l’applicazione nel retro di lastre in pietra selezionate secondo EN 1469:2014.

Il tassello è installato nella lastra attraverso il foro sottosquadro non passante, grazie a questa tecnologia è possibile applicare diversi materiali di rivestimento incluso le pietre con diverse consistenze, proprietà, spessori, dimensioni.

Inoltre è possibile ottenere carichi quattro volte maggiori rispetto l’aggancio tradizionale consentendo così di ridurre gli spessori delle lastre ,diminuendo di conseguenza i carichi dell’involucro.

La tecnologia della foratura vincolata all’utilizzo della macchina foratrice fischer oggi, grazie all’innovazione, è a portata di tutti i fornitori attrezzati con la macchina a controllo numerico tipo CNC, utilizzando l’esclusiva punta di foratura fischer FZP B/CNC con l’adattatore CNC Adapter.

  • Punte a geometria ottimizzata
  • Maggiore precisione foratura
  • Maggiore stabilità della punta (nessuna vibrazione)
  • Alta resistenza durante la fase di discesa/foratura della punta
  • Innesto garantito nella punta FZPB
La foratura è semplice e facile come si può vedere nel video che include l’installazione del tassello.

Finito il processo di foratura sarà possibile verificare le tolleranze del foro utilizzando gli strumenti di controllo e il protocollo di verifica forniti da fischer al fine di garantire che la geometria del foro corrisponda a quanto prescritto dalla ETA-11/0145. Per quanto riguarda l’operazione di installazione del tassello, questa avviene tramite il percussore fischer FZE Plus.

Le prove per la caratterizzazione del sistema lastra-ancoraggio (carico caratteristico del fissaggio) sono definite dalla certificazione ETA del tassello FZP II , che regolamenta il tipo e il numero di prove da effettuare.

Forata la lastra e applicato l’ancorante, fischer mette a disposizione dei clienti il proprio laboratorio per effettuare le prove di resistenza. Viene rilasciato alla fine della prova, un test report completo di tutti i dati utili alla progettazione del sistema lasta-ancorante.

sc93-delivery-1